• San Valentino: errori da evitare nel giorno dell'amore
    La giornata degli innamorati è arrivata, ci vogliono accortezze per renderla perfetta
  • Ferrari alza il sipario e presenta la SF1000: fame di vittoria per il Mondiale F1 2020

    Il suo nome è un tributo al traguardo, che sarà raggiunto alla nona gara del prossimo campionato, dei 1000 Gran Premi disputati dalla Scuderia di Maranello

  • Il regista Christopher McQuarrie ha annunciato che l'attore sarà nuovamente protagonista di scene d’azione pericolosissime senza ricorrere ad alcuna controfigura

  • Ascoltare musica altamente movimentata stimola l'attività fisica

    Pezzi di Taylor Swift, Green Day o Calvin Harris, o comunque musica con alto ritmo, possono dare la spinta necessaria ad alzarsi dal divano e a riprendere un sano stile di vita

Concerti, si cambia: entra in vigore il biglietto nominativo dall'1 luglio

Mercoledì, 26 Giugno 2019. Nelle categorie Primo Piano, Musica, Eventi, Notizie

Concerti, si cambia: entra in vigore il biglietto nominativo dall'1 luglio

Di recente il sistema è stato adottato per gli show di Phil Collins ed Ed Sheeran

Scatta dal primo luglio la rivoluzione per quanto riguarda la vendita dei biglietti per i concerti da 5mila spettatori in su. Entra infatti in vigore la legge che impone il biglietto nominativo, una misura presa per contrastare il fenomeno del bagarinaggio online, meglio noto come secondary ticketing. Ma più di un promoter protesta perché ritiene che il problema non si risolverà mentre saliranno i costi di produzione.
Dunque preparatevi ad andare ai concerti con il biglietto con sopra scritto il vostro nome e un documento per provare la vostra identità. Non è che siano mancate prove generali in passato. Anche di recente il sistema è stato adottato per gli show di Phil Collins ed Ed Sheeran. Ma adesso questa diventerà la regola. Il provvedimento dell'Agenzia delle entrate, che recepisce una norma approvata nell'ultima legge di Bilancio, prevede che fino all'inizio del concerto si possa effettuare il cambio del nome per cedere il biglietto ad altri. Unico paletto è che l'operazione può essere eseguita solo da chi ha acquistato il tagliando.
Un sistema che secondo Assomusica non farà altro che aumentare i problemi, senza risolvere quelli vecchi. "Siamo contrari a ogni forma di bagarinaggio ma i consumatori devono sapere che con l'introduzione del biglietto nominativo i costi dei ticket aumenteranno - spiega il presidente Vincenzo Spera -, cambiare il nome non sarà una procedura veloce e si creeranno code agli ingressi per i controlli".