• Cristiano Ronaldo diventa CR700, rigore da record in Ucraina

    Il fuoriclasse portoghese realizza dagli undici metri la rete che aggiunge un ulteriore primato alla sua collezione

  • La Nazionale si veste di verde, è polemica: «Non si svende la storia»

    Puma, sponsor tecnico della nazionale, ha creato un kit verde che debutterà il 12 ottobre contro la Grecia

  • Campioni d'Italia! La Scuderia Baldini vince il Campionato Italiano GT Endurance

    Sul circuito del Mugello Stefano Gai ha portato a casa un sucesso senza eguali anche grazie al supporto del pilota della FDA Antonio Fuoco

  • Antonio Fuoco affianca Stefano Gai nella corsa al titolo GT3

    A causa dell'assenza di Giancarlo Fisichella e Jacques Villeneuve per concomitanti impegni all'estero, Il 23enne cercherà di dare una mano al pilota milanese che ha ancora qualche chanche di vittoria finale nella classe GT3 Endurance

La Ferrari 250 GTO la prima auto considerata opera d'arte

Venerdì, 21 Giugno 2019. Nelle categorie Moda, Primo Piano, Eventi, Notizie

La Ferrari 250 GTO la prima auto considerata opera d'arte

Un’icona impossibile da imitare

Tutto è partito da una richiesta della Casa di Maranello di tutelare il suo capolavoro da una riproduzione messa in cantiere da una società di Modena specializzata in elaborazioni estetiche. Una tutela non solo nei confronti del brand, ma anche del modello.
Il Tribunale di Bologna ha accolto l'istanza della Ferrari, assegnando il fascicolo a un Collegio speciale. Sulla base di un valore artistico riconosciuto da “numerosi premi e attestazioni ufficiali”, l'organo competente non ha esitato a deliberare l’assegnazione dello status di opera d’arte alla berlinetta disegnata da Sergio Scaglietti. Applicando la legge 633/1941 sul diritto d’autore, la 250 GTO diventa così a tutti gli effetti la prima automobile-opera d’arte della storia.
L’ordinanza della sezione specializzata in materia d’impresa del Tribunale di Bologna ha infatti definito la Ferrari 250 GTO “un unicum nel suo genere, una vera e propria icona automobilistica”.
La sentenza è volta a inibire anche la diffusione di disegni o rendering del modello. Come quelli recentemente apparsi sul sito RobbReport.com, appartenenti a una società di Modena pronta a lanciare sul mercato dieci repliche di 250 GTO al prezzo di 1 milione di euro. Circa 40 in meno dell’esemplare venduto lo scorso agosto da RM Sotheby's nell’asta di Pebble Beach.