• Latin Grammy 2019, Rosalía e Alejandro Sanz i più premiarti

    La ventesima edizione dei Latin Grammy è andata in scena questa notte alla MGM Grand Garden Arena di Las Vegas

  • Amanda Knox e Lorena Bobbit:

    La 32enne di Seattle e la 49enne che nel 1993 tagliò il pene al marito sono tra le protagoniste del festival del crimine di Washington

  • Il reggiseno, 105 anni portati alla grande: i modelli più iconici

    Mary Phelps Jacobs brevettò a New York il primo ‘backless brassiere’ nel 1914

  • Ed Sheeran: è lui l'artista inglese under 30 più ricco

    Nel 2017, il suo patrimonio si aggirava intorno ai 109milioni di euro, mentre nel 2019 è arrivato a circa 196milioni

Latin Grammy 2019, Rosalía e Alejandro Sanz i più premiarti

Venerdì, 15 Novembre 2019. Nelle categorie Primo Piano, Musica, Eventi, Notizie

Latin Grammy 2019, Rosalía e Alejandro Sanz i più premiarti

La giovane catalana e il cantautore madrileno si sono aggiudicati almeno tre Grammy

Notte costellata di stelle nel corso della ventesima edizione dei Latin Grammy Awards 2019, i premi alla musica latinoamericana assegnati dalla Latin Recording Academy e trasmessi da Univision. L’edizione che ha preso forma ieri, 14 novembre, si è svolta alla MGM Grand Garden Arena di Las Vegas, Nevada. A dominare sono stati la giovane cantante catalana Rosalía e il cantante e autore madrileno Alejandro Sanz. Entrambi si sono aggiudicati almeno tre Grammy: Rosalía ha avuto i premi “Album of the year” e “Best contemporary pop vocal album” per il suo “El Mal Querer” e “Best Urban song” per “Con Altura”, il singolo realizzato in collaborazione con J Balvin, “Best engineered album”, sempre per “El Mal Querer”, e “Best recording package”. Alejandro Sanz ha invece trionfato nelle categorie “Record of the year”, “Best pop song” con “Mi Persona Favorita,” il suo duetto con Camila Cabello, e “Best Long Form Music Video” con la clip di “Lo Que Fui Es Lo Que Soy”. Due Grammy a testa, invece, per Kany García, Tony Succar, Juan Luis Guerra e Andrés Calamaro e diversi premi per i grandi nome del reggaeton come, tra gli altri, J Balvin, Pedro Capó e Bad Bunny.

“Non posso crederci”, ha commentato Rosalía, raccontando: “Davvero io e Guincho abbiamo fatto questo album in una stanza con due computer e una tastiera e nient’altro”.

Oltre ai due trionfatori dell’edizione, sul palco della MGM Grand Garden Arena sono saliti sul palco, con le loro esibizioni, tra gli altri, Fonseca, Alicia Keys, Miguel, Pedro Capó e Farruko, Luis Fonsi, Ricky Martin – conduttore di questa ventesima edizione insieme a Roselyn Sánchez e Paz Vega -, Residente e Bad Bunny, Ozuna e molti altri.

Ecco la lista completa dei vincitori e delle vincitrici:

Record Of The Year: “Mi Persona Favorita” — Alejandro Sanz & Camila Cabello

Song Of The Year: “Calma” — Pedro Capó, Gabriel Edgar González Pérez & George Noriega, songwriters (Pedro Capó)

Song Of The Year: El Mal Querer — Rosalía

Best Pop Song: “Mi Persona Favorita” — Camila Cabello & Alejandro Sanz, songwriters (Alejandro Sanz & Camila Cabello)

Best Contemporary Pop Vocal Album: El Mal Querer — Rosalía

Best Traditional Pop Vocal Album: Agustín — Fonseca

Best Urban Fusion/Performance: “Calma (Remix)” — Pedro Capó & Farruko

Best Urban Music Album: X 100PRE — Bad Bunny

Best Urban Song: “Con Altura” — J Balvin, Mariachi Budda, Frank Dukes, El Guincho, Alejandro Ramirez & Rosalía, songwriters (Rosalía & J Balvin Featuring El Guincho)

Best Alternative Music Album: Norma — Mon Laferte

Best Pop/Rock Album: Cargar La Suerte — Andrés Calamaro

Best Rock Song: “Verdades Afiladas” — Andrés Calamaro & German Wiedemer, songwriters (Andrés Calamaro)

Best Rock Album: Monte Sagrado — Draco Rosa

Best Traditional Tropical Album: Andrés Cepeda Big Band (En Vivo) — Andrés Cepeda

Best Tropical Song: “Kitipun” — Juan Luis Guerra, songwriter (Juan Luis Guerra 4.40)

Best Singer-Songwriter Album: Contra El Viento — Kany García

Best Ranchero/Mariachi Album: Ahora — Christian Nodal

Best Norteño Album: Percepción — Intocable

Best Long Form Music Video: “Lo Que Fui Es Lo Que Soy” — Alejandro Sanz

Producer of the Year: Tony Succar (Self, Eric Chacón, Raul Stefano, Gian Marco Featuring Grupo 5)