• E' tornata Adele, il brano

    A sei anni dal suo ultimo album, l'artista britannica pubblica il primo single dell'attesissimo album '30' che uscirà il 19 novembre

  • Primo lunedì con Green Pass obbligatorio, farmacie prese d'assalto nel fine settimana

    A Torino e Bolzano le forze dell'ordine costrette a intervenire per gestire le lunghe code per i tamponi rapidi

  • A Vienna casa di appuntamenti regala voucher di 30 euro a chi si vaccina

    Oltre a spingere alla vaccinazione, il proprietario del locale spera di recuperare in questo modo buona parte dei clienti persi a causa della pandemia

  • Conto alla rovescia per l'obbligo del Green Pass al lavoro, Draghi firma il nuovo Dpcm

    Dal 15 ottobre, i lavoratori sprovvisti risulteranno assenti ingiustificati: quei giorni non concorreranno alla maturazione di ferie e comporteranno la corrispondente perdita di anzianità di servizio

Milano Fashion Week 2021 ritorna in presenza, sfilano le tendenze Primavera Estate 2022

Giovedì, 23 Settembre 2021. Nelle categorie Moda, Primo Piano, Notizie

Milano Fashion Week 2021 ritorna in presenza, sfilano le tendenze Primavera Estate 2022

Fino al 27 settembre sono oltre 201 gli appuntamenti in calendario tra défilé ed eventi

Torna la Milano Fashion Week, con un’edizione post pandemia per la Primavera Estate 2022 che vede in calendario tante sfilate dal vivo, presentazioni e progetti online sulla piattaforma di Camera Moda. Dal 21 al 27 settembre sono oltre 201 gli appuntamenti tra défilé ed eventi, per ridare linfa vitale al fashion system dopo la lunga frenata imposta dal Covid. La Milano Fashion week Women’s Collection animerà la città con un palinsesto di 65 sfilate, 43 in presenza e 22 digitali; 98 presentazioni (77 in presenza e 21 digitali) e 38 eventi (34 in presenza e 4 digitali) tra cui i fashion show più attesi del momento, quelli di Giorgio Armani, Fendi, Versace e Prada.
A dare il via alle danze, nella serata di martedì 21 settembre, il party esclusivo di Benetton ma anche quello di Valentina Ferragni (sorella di Chiara, ndr) per il primo anniversario del suo brand. Poi mercoledì 22 settembre l’inaugurazione ufficiale con i rappresentanti dell’amministrazione comunale e il presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana per il lancio il nuovo evento istituzionale di CNMI dedicato alla sostenibilità.
Tra i tanti appuntamenti da segnare sul calendario, la mostra per il 40° anniversario dalla nascita di Emporio Armani, l’evento per il 20° anniversario della collezione Nudo di Pomellato, la celebrazione dei 50 anni di carriera di Chiara Boni e l’anniversario per i 60 anni del brand Marcolin. E poi, ancora, da segnalare il ritorno sulle passerelle milanesi di Boss e Roberto Cavalli, che il 22 settembre celebra il suo ritorno sulla scena mondiale con la prima collezione del nuovo direttore creativo Fausto Puglisi e il lancio della Cavalli Tower, un grattacielo ultra lusso di 70 piani a Dubai.
Venerdì 24 alle ore 15 i riflettori saranno tutti puntati invece sul doppio show di Raf Simons e Miuccia Prada, che inaugura un nuova frontiera di comunicazione dei fashion show: sebbene la collezione sia una sola infatti, verrà presentata su due passerelle contemporaneamente, quella di Milano e l’altra a Shanghai. Un doppio appuntamento titolato, non a caso, Synchromic Views, pensato anche per venire in contro ai tanti addetti ai lavori orientali ancora assenti in città a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.

Insomma, questa Fashion Week lancia un segnale forte nella direzione di un progressivo ritorno alla normalità e lo confermano anche i dati di Federalberghi Milano sulle prenotazioni alberghiere nel capoluogo lombardo per i giorni della Moda: è previsto infatti l’arrivo di “circa 10 mila persone”. Numeri importanti, ma che sono solo la metà rispetto ai tempi d’oro, quando a Milano arrivava un esercito di “20 mila” persone tra buyer e addetti ai lavori: a pesare è, appunto, l’assenza degli orientali.