• Italia batte la Francia a colpi di brindisi, i vini nostrani trionfano nel mondo

    Con 71 medaglie d'oro e 92 d'argento, l'Italia sorpassa la Francia nella più importante graduatoria mondiale di vini spumanti

  • A Misano weekend strepitoso con il Blancpain GT World Challenge Europe

    Al Marco Simoncelli di Misano Adriatico il secondo appuntamento della “Blancpain GT World Challenge Europe”

  • Concerti, si cambia: entra in vigore il biglietto nominativo dall'1 luglio

    Scatta dal primo luglio la rivoluzione per quanto riguarda la vendita dei biglietti per i concerti da 5mila spettatori in su

  • La Ferrari 250 GTO la prima auto considerata opera d'arte

    A decretare lo status della Rossa è Il Tribunale di Bologna, che applica la legge 633/1941 sul diritto d’autore

Usa, strage in un college: 10 i morti, ucciso il killer

Venerdì, 02 Ottobre 2015. Nelle categorie Cronaca, Primo Piano, Notizie

Usa, strage in un college: 10 i morti, ucciso il killer

Ennesima strage negli U.S.A.

Dopo l'enesima estrage in un campus universitario, stavolta è il turno dell'Umpqua Community College a Rosenburg, in Oregon, dove al termine di una sparatoria da uno squilibrato, si contano a terra 10 morti, oltre a una ventina di feriti, di cui alcuni in gravi condizioni. Quasi tutte le vitime sono studenti, colti di sorpresa mentre stavano facendo lezione in classe.

E' Chris Harper Mercer l'autore della strage. Aveva 26 anni. Il giovane non era uno studente dell'istituto. Al momento della sparatoria aveva con sè tre pistole e almeno un fucile, oltre ad una grande quantità di munizioni. Secondo alcune fonti aveva anche un giubbotto antiproiettile, ma non è chiaro se lo indossasse al momento della sparatoria. A quanto si apprende il giovane viveva nella stessa zona dell'Umpqua Community College e abitava in un appartamento, probabilmente con la madre.

Stando alle prime testimonianze raccolte, prima di aprire il fuoco il killer avrebbe chiesto agli studenti di alzarsi in piedi e dire quale fosse la loro religione. Alcuni media Usa riferiscono che da profili su social network legati a un indirizzo e-mail fatto risalire a Chris Harper Mercer il giovane si professava "conservatore repubblicano" e respingeva le "religioni organizzate". Mentre in un profilo MYSpace comparirebbe una sua foto con un'arma e immagini propagandistiche pro Ira.

Per loro nessuno scampo. Il killer è entrato classe per classe. Ogni volta - secondo una prima ricostruzione - ha fatto alzare in piedi le persone all'interno chiedendo loro di che religione fossero. "Ha chiesto loro se fossero cristiani. Se la risposta era sì, gli sparava alla testa, se era no, gli sparava alle gambe", ha raccontato una ragazza. L'omicida è quindi rimasto a sua volta ucciso nel corso dello scontro a fuoco ingaggiato con gli agenti di polizia intervenuti tempestivamente sul posto.

Altrimenti la tragedia avrebbe potuto assumere dimensioni ancora più drammatiche, visto che il killer aveva con se' quattro pistole. Secondo quanto riferito dalla polizia, non è ancora noto il movente del gesto